news

Con questo articolo vi raccontiamo l’origine della festa di Pasqua e vi suggeriamo come festeggiare nel migliore dei modi questo importante evento nelle colline del Monferrato.

Pasqua: l’origine della festa, dagli ebrei alla Pasqua cristiana

Conoscete l’origine di questo evento religioso? Ecco le principali tappe della sua storia

 La schiavitù in Egitto e le 10 piaghe

Il libro dell’Esodo si racconta la storia dei 400 anni di schiavitù degli Ebrei in Egitto. Durante questo lungo periodo il loro numero cresce talmente tanto che il Faraone ordina di uccidere i figli maschi degli ebrei. Mosè, abbandonato in un fiume dai genitori per evitarne la morte, viene salvato dalla figlia del Faraone e cresciuto alla sua corte. Diventato adulto, Dio lo chiama e gli impone di salvare il popolo ebreo dalla schiavitù, per vincere il rifiuto del Faraone Dio, pregato da Mosè, manda 10 piaghe: l’invasione di rane, zanzare, mosche, cavallette, tramuta l’acqua in sangue, manda una pioggia di fuoco e come ultima piaga decide di uccidere tutti i primogeniti degli egiziani compreso il figlio del faraone. Per distinguere le case degli egiziani impone agli ebrei di segnare le proprie case con il sangue di un agnello in modo da “passare oltre”, in ebraico Pasach e portare la morte solo nella case degli egiziani.

Il termine Pasach, da cui deriva Pasqua, simboleggia quindi la liberazione dalla schiavitù .

 La Pasqua dei cristiani nell’impero romano

Cristo nasce sotto l’imperatore Augusto, in uno dei momenti di massimo splendore dell’impero Romano. Nel mese di Marzo in occasione di continue feste si celebrava l’inizio del nuovo anno, la festa della fecondità con i Liberalia, la festa legata alle nuove semine con i Bacchanalia.

Con l’avvento del Cristianesimo era molto importante per la chiesa far dimenticare le feste pagane e sostituirle con una festa cristiana unendo alla rinascita della natura con la primavera la nascita del regno di Dio attraverso il sacrificio di Cristo sulla croce e la sua Resurrezione.

La parola Pasqua, derivata da Pasach, prende allora il nuovo significato di “passare oltre” al peccato originale per dare inizio al nuovo mondo cristiano.

La data della Pasqua

Costantino con l’editto di Milano del 311 dc pone fine alla persecuzione dei cristiani ma deve subito affrontare le prime eresie che lo obbligano a convocare a Nicea nel 325 dc il primo concilio.

Durante il concilio viene condannata l’eresia ariana e viene deciso che la festa di Pasqua verrà celebrata nel primo plenilunio dopo l’equinozio di Primavera, fissato il 21 marzo.

Questa è il motivo della grande variabilità nella data della Pasqua, e, di conseguenza una analoga variabilità nelle date della Quaresima e del Carnevale che alla Pasqua sono strettamente legate.

La Pasqua può quindi essere “bassa”, “media”o“alta” e oscilla fra le date del 22 marzo e 25 Aprile.

Nel 2022 Pasqua è il 17 Aprile

Uova vere o di cioccolato per Pasqua

uova pasqua marchesa

L’uovo non è soltanto simbolo di perfezione, come l’uovo di Giotto, ma è anche simbolo della nuova vita che nasce al suo interno, per questo l’uovo è il tipico regalo di Pasqua.

Nei tempi antichi si regalavano delle uova vere colorate o decorate secondo il gusto del momento. Da questa tradizione, nel XIX secolo, è nata la tradizione di regalare delle uova di cioccolato, un nuovo prodotto arrivato dal Centro America due secoli prima, perfetto per essere decorato con motivi di fantasia e per contenere delle sorprese impossibili da inserire nelle uova tradizionali.

Pasquetta cosa significa?

Il termine Pasquetta sembra indicare un giorno meno importante della Pasqua ma, in realtà, è di pari importanza perché è il giorno in cui le “Marie”, recandosi al sepolcro di Cristo, lo hanno trovato vuoto. Seduto sul sepolcro, un angelo vestito in vesti bianche, le ha avvisate che Cristo era risorto. Pasquetta è quindi il “lunedì dell’angelo”, il giorno in cui la Resurrezione di Cristo è stata ufficialmente annunziata al mondo.

5 motivi per passare Pasqua e Pasquetta nell’agriturismo della Marchesa a Gavi, nel Monferrato nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste per il Covid

Se non avete ancora deciso cosa fare e dove andare per Pasqua e Pasquetta vi suggeriamo 5 motivi per passare il week end di Pasqua in agriturismo nel Monferrato

Il trekking fino al lago della Marchesa

Oramai è primavera ed è bello passeggiare fra i vigneti e i boschi arrivando fino al lago dove i primi fiori annunciano la nuova stagione

I regali di Pasqua

Se non volete regalare solo le uova di cioccolato ma, per la Pasqua con i bambini, desiderate fargli un bel regalo, l’outlet di Serravalle, a soli 4 km dalla Marchesa, vi offre solo l’imbarazzo della scelta.

L’esperienza Bacco, una nuova esperienza che si aggiunge alle 5 già presenti nel nostro sito

Dopo la visita con l’esperienza start potrete degustare i nostri vini nell’ambiente magico dell’antica cantina del XVIII secolo appena restaurata

Il menù di campagna per Pasqua e Pasquetta 

Se volete mangiare cibi genuini come quelli fatti in casa, nell’ agriturismo con ristorante della Marchesa troverete la sorpresa di riscoprire il gusto della cucina contadina rivisitata in modo moderno

I menù di Pasqua e Pasquetta vi verranno inviato su semplice richiesta telefonica o mail

Le nuove annate dei nostri vini

Per accompagnare il vostro pranzo potrete scegliere il Gavi 2021 appena imbottigliato, il Gavi Gold Label con i suoi intensi profumi, il Pelvaro nato dal Pelaverga, un antico vitigno con sentori di pepe bianco e ribes nero e l’Albarossa, il rosso piemontese di grande struttura.

Se amate le bollicine potete scegliere fra gli spumanti brut e brut rosè.

Tutti i nostri vini sono a bassi tenori di solfiti e vinificati senza utilizzare barrique nuove in modo da valorizzare i profumi del vitigno di provenienza.

Se vi abbiamo convinto a passare Pasqua in agriturismo a Gavi, nel Monferrato e avete scelto l’agriturismo della Marchesa compilate il modulo sotto riportato e vi ospiteremo con grande gioia.

 

 

Send this to a friend